breaking news

La conferenza stampa del dopo gara: Breda, Pillon e Vigiani

01/05/2010 16:00 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it

Pensieri e parole dei protagonisti di Reggina-Ascoli, seguiti LIVE da Reggionelpallone, dopo la bruciante sconfitta interna certificata dalla doppietta del bomber Antenucci.

 

BREDA- L’espulsione ed il rigore hanno cambiato i nostri piani, ma potevamo comunque stare attenti e fare qualcosa in più. Nel primo tempo dovevamo essere più concreti a capitalizzare, mentre nel finale dovevamo leggere meglio la gara. Il lavoro della squadra è stato buono, ma qualcosa alla fine è mancato: dire a caldo cosa è prematuro, preferisco analizzare con più calma le cose. Dobbiamo capire che c’è ancora da soffrire, a cominciare dala partita di venerdì prossimo, nella quale bisogna assolutamente fare punti: ci sono ancora 4 battaglie, bisogna continuare a fare le cose che sappiamo fare, rimbocchiamoci le maniche e facciamo tesoro degli errori commessi. I cambi? C’è un equilibrio che va mantenuto, e le partite vanno sempre lette in base a ciò che succede in campo: nonostante l’inferiorità numerica l’occasione più grande l’abbiamo avuta subito noi con Brienza. Dispiace non aver portato a casa un punto che sarebbe stato tutto sommato importante, e non aver capito che già prima del secondo gol di Antenucci c’erano stati campanelli d’allarme, come l’occasione capitata a Lupoli. Non voglio dare colpe ad un reparto o ad un singolo giocatore: ripeto, con calma rivedrò la partita e con i ragazzi analizzeremo cosa non è andato.Nei primi minuti c’era poca intensità, ma non dimentichiamo che c’era un gran caldo e che avevamo di fronte una buona squadra, molto propositiva. Il rigore?Non ero in posizione per vederlo bene, quindi non commento.

 

PILLON- Abbiamo fatto un’ottima partita, volevamo vincerla per agganciare il treno play off. Adesso ci sono 4 partite: giochiamocele cercando di vincerne il più possibile, consapevoli che stiamo bene sia fisicamente che mentalmente. Ci abbiamo creduto fino alla fine, abbiamo giocato a calcio anche quando eravamo sotto, cercando sempre di arrivare al gol. I demeriti della Reggina? Non aver segnato il 2-1 con Brienza, che aveva già segnato una rete praticamente da solo, e che in queste categorie è letteralmente sprecato. Nessuna vendetta nella vittoria di oggi, avevo solo il desiderio di vincere abbinando il risultato al gioco. Il gesto dell’andata?Ho agito d’istinto, ho fatto quello che sentivo, e rispetto anche l’opinione di chi non ha condiviso: dopo quel gesto sono arrivate 5 vittorie e 1 pareggio, significa che forse c’è una giustizia divina. Dispiace per l’esonero di Reggio, si era creato un gruppo meraviglioso: i risultati ci davano torto, ma la squadra stava crescendo di partita in partita. Penso che se si sceglie una persona bisogna darle fiducia, aspettare che porti avanti il suo lavoro, e non valutare sulla base di 3-4 partite: rispetto comunque la scelta del Presidente Foti, ma credo che saremmo riusciti a salvarci, visto anche com’è finito il campionato.Per quanto riguarda il modulo tattico, io faccio delle scelte e non permetto a nessuno di intromettersi: è sempre stato così, anche a costo di pagare con l’esonero.

In classifica vedo molto equilibrio a tutti i livelli, sia nella parte alta che nella zona retrocessione. Fuori casa credo che la Reggina riesca a rendere meglio perchè può agire di rimessa, mentre in casa deve costruire di più e quindi si espone agli attacchi avversari. Bernacci per Lupoli e non per Antenucci? Antenucci è uno di quelli che hanno sempre il colpo in canna, anche quando non te l’aspetti più.

VIGIANI-Una sconfitta strana che sa di beffa, com’è spesso accaduto quest’anno. Dobbiamo archiviare la sconfitta e pensare alla gara di venerdì, che sarà molto molto importante sia per noi che per loro. Non credo che oggi abbiamo sbagliato nè l’approccio nè la tattica: a tagliarci le gambe è stata l’espulsione, e quando l’Ascoli continuava a far girare palla, in 10 per noi era dura. Nonostante questo, anche dopo l’inferiorità abbiamo comunque creato occasioni importanti. Il pari sarebbe stato prezioso, ma lo spirito che ci sta facendo recuperare una stagione estremamente difficile è quello di provare a vincere, anche se oggi è andata male. Forse dovevamo essere più pratici, ma  non credo che siamo andati all’arrembaggio, visto che ad attaccare eravamo in 2 massimo in 3, di cui uno ritornava spesso, mentre tutti gli altri stavano a difendere. Se manteniamo questa mentalità, arriveremo all’obiettivo.Sbagliato crossare troppo vista la mancanza di una punta pesante? Non credo, visto  che il gol di Brienza nasce da una palla a scavalcare tutta la loro difesa. Abbiamo sempre cercato di fare nostra la partita,  ma concedere un uomo in più per 25 non è facile: ripartiamo dalle certezze, che ci hanno permesso di tirare fuori la testa da una situazione brutta. Le partite sono sempre meno, e anche se la classifica dice che siamo messi meglio di altre, a Trieste bisogna fare punti. La sconfitta con l’Ascoli determinata dal caldo?A Brescia 7 giorni fa c’era molto più caldo di oggi, quindi queste sono nient’altro che coincidenze. La sostituzione non l’ho chiesta io, ma devo dire che ero molto stanco.

 

 

 

 

 

 

 

Microfoni

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

Serie D: Lamezia e Catania tentano l’allungo, un punto per Cittanova, Locri e San Luca
Dilettanti

Serie D: Lamezia e Catania tentano l’allungo, un punto per Cittanova, Locri e San Luca

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Anche la quarta giornata del Girone I di Serie D registra un successo per Lamezia Terme e Catania, ancora appaiate a punteggio pieno, ma mentre gli etnei si sono sbarazzati della Vibonese con un secco 3-0 con i gol di Vitale,...
Reggina-Cosenza, i precedenti: bilancio favorevole agli amaranto nel derby
Reggina

Reggina-Cosenza, i precedenti: bilancio favorevole agli amaranto nel derby

06/10/2022 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Quella in programma sabato pomeriggio sabato alle 16:15 sarà la 49esima edizione del match tra Reggina e Cosenza. Numeri alla mano il bilancio nel derby calabrese è favorevole agli amaranto, vittoriosi in ben 21 occasioni tra...
Reggina-Cosenza, il grande ex siede sulla panchina rossoblu
Reggina

Reggina-Cosenza, il grande ex siede sulla panchina rossoblu

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Sarà come un ritorno a casa per Davide Dionigi, che sabato si accomoderà su una panchina dello stadio “Granillo”, per la prima volta da avversario. Lui, che è stato amato dal popolo amaranto e ha scritto pagine...
Reggina, i precedenti con l’arbitro Valeri: un ex Internazionale per il derby
Reggina

Reggina, i precedenti con l’arbitro Valeri: un ex Internazionale per il derby

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Se non è considerabile come una celebrità nel mondo arbitrale italiano, poco ci manca. Paolo Valeri della sezione di Roma 2, l’arbitro designato per dirigere sabato il derby del “Granillo” tra Reggina e...
Eccellenza, Galati è il nuovo allenatore del Gioiosa Ionica
Dilettanti

Eccellenza, Galati è il nuovo allenatore del Gioiosa Ionica

05/10/2022 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
La società comunica di aver affidato la guida tecnica della prima squadra a Francesco Galati. Allenatore con tanti anni di esperienza sia in Eccellenza che in serie D dove ha guidato tra le altre il Soverato, il Guardavalle ed...