breaking news

ESCLUSIVA RNP, Vargas: “Reggio, il mio grande amore”

23/04/2010 09:15 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it

Uno di quelli che non si possono dimenticare facilmente. Uno di quelli che qualsiasi tifoso ricorda con affetto e, perché no, anche un pizzico di nostalgia. Reggionelpallone.it prosegue la serie dedicata agli “ex d’autore”: questa volta, è il turno del difensore cileno Jorge Vargas, in Riva allo Stretto per 4 stagioni. Un addio al calcio smentito, un cuore amaranto che batte ancora forte, e un ritorno  che quest’anno non si è concretizzato per poco…

E’ vero quello che abbiamo letto 2 settimane fa, riguardo il tuo ritiro?
“Smentisco categoricamente quelle voci.  Non ho mai detto nè pensato di ritirarmi: ho vissuto un periodo difficile in cui sono stato fermo per quasi 7 mesi, ma ora mi sento bene e voglio continuare a giocare. Si è trattato di un equivoco, forse dovuto alla scarsa conoscenza della lingua italiana del giornalista che mi aveva intervistato, al quale ho solo detto cosa avrei voluto fare una volta appese le scarpe al chiodo. No, non mi ritiro”.

Una notizia che i tifosi amaranto apprenderanno con gioia, anche perché con i problemi avuti quest’anno, magari la prossima stagione ci sarà bisogno di Vargas…
“Tornare a Reggio sarebbe bellissimo, visto che è la città che mi ha dato una moglie ed una figlia, oltre alle gioie calcistiche. Intanto, spero di riuscire a conquistare la promozione con lo Spezia, al quale mi lega un contratto fino a Giugno del 2010, e a fine anno vedremo quali saranno i programmi del club ligure. E comunque, alla Reggina stavo per tornare a Gennaio…”.

E come mai non se n’è fatto nulla?
“Perché il Presidente Foti, quando lo contattai per dirgli che avevo intenzione di tornare in Italia e rivestire la maglia amaranto,  mi disse subito che un mio ritorno sarebbe stato gradito, ma comunque legato alla cessione di almeno un difensore presente nella rosa. Il fatto che in quel reparto non siano avvenute cessioni, lo ha spinto a non ingaggiarmi”.

Uno come te, che la serie B l’ha vinta, che idea si è fatto di questo deludente campionato? La Reggina doveva spaccare il campionato, e invece il campionato ha spaccato la Reggina…
“Secondo me, la campagna acquisti è stata sbagliata, perché la società ha pensato a puntare solo sui nomi. La B non la vinci in questo modo, la B la vinci se hai fame, se hai carattere, se c’è un gruppo di persone disposte ad aiutarsi l’un l’altro. Noi nel 2002 non avevamo grandissimi nomi, però c’erano carica emotiva, attaccamento, coraggio: è per questo che siamo tornati subito in A. Nella Reggina di quest’anno ho visto troppa superficialità, troppa presunzione, e a volte, ti sono sincero, guardandola in Tv mi dava quasi fastidio vederla giocare con così poca grinta”.

Insomma, qualcuno non ha sudato a dovere. Altro che Jorge Vargas, che con la maglia della Reggina voleva rimanere a tutti i costi in campo a Bari, nonostante si fosse rotto il naso…
“Si (ride divertito), ancora me lo ricordano quell’episodio: meno male che mi hanno fatto uscire a forza, in quanto avevo già perso conoscenza e mi usciva parecchio sangue. Ho sempre pensato che un calciatore deve ritenersi fortunato, perché fa un mestiere stupendo e guadagna un sacco di soldi, quindi fino a che hai un minimo di energia per continuare, devi aiutare la squadra. Finita la partita, non mi interessava del naso rotto, ma solo del derby col Cosenza che si sarebbe giocato una settimana dopo: fortunatamente, sono riuscito a giocarlo, e abbiamo pure vinto”.

C’è qualcuno dei vecchi compagni, al quale sei rimasto particolarmente legato?
“Con molti ci siamo persi durante gli anni, mentre ogni tanto quando sono a Reggio rivedo Franceschini e Morabito, coi quali gira e rigira ci mettiamo sempre a ricordare quegli anni stupendi”.

Qual è il ricordo più bello di Vargas in amaranto?
“Ce ne sono davvero tanti, impossibile sceglierne uno in particolare. Oltre al ritorno in A, un’emozione indescrivibile è stata la salvezza ottenuta nello spareggio con l’Atalanta”.

Ripensando a tutta la tua carriera, c’è qualcosa che rimpiangi o che non rifaresti?
“Complessivamente sono felice di quello che ho fatto come calciatore, ma una cosa sicuramente non la rifarei, ed è la rescissione del contratto con la Reggina, nel 2003. Non sentivo più l’affetto e la vicinanza della società, e uno come me non può restare in un posto dove non si sente voluto al cento per cento. Sulla spinta emotiva dettata da quelle valutazioni ho deciso di rescindere, ma se tornassi indietro non lo rifarei. Chissà, a quest’ora starei giocando ancora a Reggio”.

Jorge, questa Reggina si salva?
“Si deve salvare! Sarebbe troppo brutto rivederla in Lega Pro dopo tanti anni di A. Le potenzialità per mantenere la B ci sono, e spero che in futuro Reggio si ritrovi nuovamente in massima serie, perché ha una tifoseria eccezionale ed è lì che merita di stare. Invito i tifosi reggini a stare vicino il più possibile alla squadra, in questo delicato momento”.

Lasciamo a te quest’ultimo spazio, per un pensiero da rivolgere ai tifosi amaranto.
“Li abbraccio tutti, dal primo all’ultimo, ringraziandoli per l’affetto datomi e per il fatto che non mi hanno dimenticato. Sono orgoglioso di avere indossato la maglia amaranto, per la quale ho dato veramente tutto me stesso”.

Ferdinando Ielasi

 

vargas

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

Serie D: Lamezia e Catania tentano l’allungo, un punto per Cittanova, Locri e San Luca
Dilettanti

Serie D: Lamezia e Catania tentano l’allungo, un punto per Cittanova, Locri e San Luca

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Anche la quarta giornata del Girone I di Serie D registra un successo per Lamezia Terme e Catania, ancora appaiate a punteggio pieno, ma mentre gli etnei si sono sbarazzati della Vibonese con un secco 3-0 con i gol di Vitale,...
Reggina-Cosenza, i precedenti: bilancio favorevole agli amaranto nel derby
Reggina

Reggina-Cosenza, i precedenti: bilancio favorevole agli amaranto nel derby

06/10/2022 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Quella in programma sabato pomeriggio sabato alle 16:15 sarà la 49esima edizione del match tra Reggina e Cosenza. Numeri alla mano il bilancio nel derby calabrese è favorevole agli amaranto, vittoriosi in ben 21 occasioni tra...
Reggina-Cosenza, il grande ex siede sulla panchina rossoblu
Reggina

Reggina-Cosenza, il grande ex siede sulla panchina rossoblu

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Sarà come un ritorno a casa per Davide Dionigi, che sabato si accomoderà su una panchina dello stadio “Granillo”, per la prima volta da avversario. Lui, che è stato amato dal popolo amaranto e ha scritto pagine...
Reggina, i precedenti con l’arbitro Valeri: un ex Internazionale per il derby
Reggina

Reggina, i precedenti con l’arbitro Valeri: un ex Internazionale per il derby

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Se non è considerabile come una celebrità nel mondo arbitrale italiano, poco ci manca. Paolo Valeri della sezione di Roma 2, l’arbitro designato per dirigere sabato il derby del “Granillo” tra Reggina e...
Eccellenza, Galati è il nuovo allenatore del Gioiosa Ionica
Dilettanti

Eccellenza, Galati è il nuovo allenatore del Gioiosa Ionica

05/10/2022 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
La società comunica di aver affidato la guida tecnica della prima squadra a Francesco Galati. Allenatore con tanti anni di esperienza sia in Eccellenza che in serie D dove ha guidato tra le altre il Soverato, il Guardavalle ed...