breaking news

13 giugno 1999, l’urlo di Reggio nella storia

13 giugno 1999, l’urlo di Reggio nella storia
Reggina
13/06/2017 19:37 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Stadio delle Alpi di Torino, 13 giugno 1999: Reggio Calabria approda per la prima volta in serie A.

Non c’è sensazione più sublime, per un uomo, del vedere i propri sogni intrecciarsi con la realtà. Ci sono date, ci sono luoghi, ci sono nomi che evocano emozioni. Sensazioni che con il passare degli anni diventano ricordi, talvolta sfumati d’una sana, profonda, dolcissima malinconia. 13 Giugno 1999, Stadio Delle Alpi, Francesco Cozza, Tonino Martino. Per chi vive Reggio, per chi ama la Reggina, aggiungere altro sarebbe superfluo. In queste poche parole un’intera città ha scoperto la sostanza dei sogni.

Era la Reggina di Foti, Martino e Iacopino. Una rustica triade in salsa amaranto, affamata e competente, umile ma ambiziosa, realista eppure convinta che anche in questo spicchio di Calabria adagiato sullo Stretto fosse possibile fare Grande calcio. Era la Reggina dei gradoni d’un Comunale che lasciavano il posto agli spalti d’un Granillo in costruzione omaggiandoli del loro carico di storia magari provinciale, certamente genuina ed indelebile. Era la Reggina del calcio spettacolare sciorinato da quell’indimenticabile orchestra diretta da Gustinetti e del pragmatismo di Bolchi, con i suoi pareggi casalinghi e le sue imprese in trasferta. Era la Reggina di Poli e Giacchetta, di Pinciarelli e Martino, di Cozza e Firmani, di un implacabile Fabio Artico ed un fuoriclasse chiamato Possanzini. Quella era, essenzialmente, la Reggina di tutti, perché nel citarne qualcuno s’ha il timore di dimenticarne un altro altrettanto importante, indispensabile nella riuscita d’un progetto che era la testimonianza d’una comunione d’intenti, d’una simbiosi con il territorio esemplare.

In quel giorno d’inizio estate, l’amaranto si fondeva nel granata dipingendo la festa degli spalti del Delle Alpi. Un Torino già promosso abbracciava il pellegrinaggio di ventimila reggini increduli, incitava l’entusiasmo di un’intera città che vedeva il proprio traguardo. Chiunque, presente al Delle Alpi, incantato da un televisore in Calabria, incollato ad una radio chissà dove, sapeva che quel giorno si sarebbe fatta “La Storia”. Il fischio d’inizio del signor Bettin servì a spezzare l’ipnosi, iniziavano 90’ attesi per 86 lunghissimi anni.

Il campo parlò in tre episodi. Il primo tempo è spezzato da un calcio di rigore. Il tuffo alla propria destra non serve a Pastine per evitare la trasformazione: è Ciccio Cozza, dagli undici metri, a depositare in rete con un piattone che accende l’entusiasmo amaranto. Partita chiusa e promozione acquisita? Nient’affatto. L’incornata di Ferrante nella ripresa manda in frantumi l’illusione. Il pari del Toro scaccia la Reggina in B, sorpassata dal Pescara vittorioso sul Brescia. Gelo sulle tribune del Delle Alpi a dispetto d’un pomeriggio afoso che faceva da prologo alla “bella stagione” incombente. La Reggina è ferma ad un passo dal successo, il timore di dover assistere ancora una volta all’umiliante sgretolarsi delle proprie speranze s’impadronisce dei cuori amaranto. Un verdetto che sarebbe crudele, inaccettabile per Possanzini che legge bene una verticalizzazione e spalanca la difesa granata. L’uscita disperata del portiere sembra spegnere gli entusiasmi ma un tacco, improvviso e geniale, innesca Tonino Martino che sbatte la palla in rete. Un tuono.

Il boato è trasversale. Scuote l’intera penisola, dalla perla dello Stretto alla città della Mole. Nasce dalle viscere del Meridione e rincorre chi quella terra ha dovuto lasciarla e adesso, su un campo da gioco, rivendica il proprio riscatto. Corre Tonino Martino, piange e le sue lacrime si sciolgono in quelle di chi ha atteso per tutta la vita quel momento, custodendo con gelosia quel sogno che ora sa, questa volta, nessuno potrà portargli via. Vince la Reggina, che nel 2000 siederà al tavolo delle grandi, da parigrado, guardando in faccia una realtà che sembrava non dover arrivare mai. Vince Reggio, forse mai unita come in quel giorno, che inizia una nuova entusiasmante storia sportiva ed esige quell’opportunità di riscatto sociale a lungo attesa.

Quella Reggina vive. Pulsa in chiunque l’abbia vissuta ed abbia il privilegio di poterla raccontare. Del resto, appunto, il passato nient’altro è che una traccia depositata in fondo all’anima, attende paziente una spolverata che, come una carezza, la riporti viva ridicolizzando il tempo.

Gianpiero Versace- RNP del 25/3/2010

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

Pippo Laface: “Molte conferme più tre innesti mirati e sarà grande Bocale”
Dilettanti

Pippo Laface: “Molte conferme più tre innesti mirati e sarà grande Bocale”

25/06/2017 | A cura di Domenico Geria
Il neo-tecnico del Bocale ADMO, mister Pippo Laface, ha rilasciato al sito ufficiale del club biancorosso le sue prime, importanti, dichiarazioni, esprimendo massima soddisfazione per l’ambiente in cui si trova, parlando di...
Audax, Tomaselli: “Vorrei portare questo club in Prima. Sulla fusione…”
Dilettanti

Audax, Tomaselli: “Vorrei portare questo club in Prima. Sulla fusione…”

24/06/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
A distanza ormai di quasi due mesi dal felice epilogo di stagione, coinciso con la salvezza ottenuta nel play out contro il Condofuri, l’Audax Ravagnese è già al lavoro  per il prossimo torneo di seconda categoria....
Sporting Lokri, ecco il primo acquisto: Lioba Bazan di nuovo amaranto
Calabria Sport

Sporting Lokri, ecco il primo acquisto: Lioba Bazan di nuovo amaranto

23/06/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Lioba Bazan è una giocatrice dello Sporting Lokri, l’atleta di Saragozza ritorna infatti in Calabria dove è esplosa due stagioni fa proprio con la maglia amaranto addosso. La laterale spagnola, dopo l’esperienza con la...
Atletico Catona, Nocera dà il benvenuto a mister Crea: “Scelto per le sue doti umane e professionali”
Dilettanti

Atletico Catona, Nocera dà il benvenuto a mister Crea: “Scelto per le sue doti umane e professionali”

23/06/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
La matricola Catona, fresca vincitrice del girone H di terza categoria, è già al lavoro in vista della prossima, impegnativa, stagione in Seconda. Il primo tassello, riguarda l’accordo raggiunto con uno dei tecnici più...
“Annuario Dilettanti”, riecco l’imperdibile guida del calcio dilettantistico
Dilettanti

“Annuario Dilettanti”, riecco l’imperdibile guida del calcio dilettantistico

22/06/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Editoriali, giudizi sulle squadre, statistiche degli organici, foto. Per il venticinquestimo anno (ventiduesimo consecutivo), l’Annuario Dilettanti racconta fedelmente la stagione da poco andata agli archivi, entrando di...