breaking news

Belardi cuore amaranto: ”Essere il portiere della Reggina era come esserlo della Nazionale”

Belardi cuore amaranto: ”Essere il portiere della Reggina era come esserlo della Nazionale”
Reggina
14/05/2020 19:00 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Attualmente in quarantena nella sua Eboli, Emanuele Belardi ha ricordato con piacere i suoi trascorsi in riva allo Stretto

E’ arrivato a Reggio da ragazzo, se n’è andato da uomo. Nel frattempo è cresciuto tanto, ha accumulato esperienza, ha girato l’Italia con la maglia amaranto addosso, dalla Serie C alla Serie A, ed ha scritto un importante, bellissimo, pezzo di storia della Reggina. Parliamo di Emanuele Belardi, che a Reggio Calabria è visto come qualcosa in più di un semplice ex portiere della Reggina. Nelle sue parate si intravedeva la voglia incondizionata di difendere la porta amaranto a tutti i costi; dalle sue dichiarazioni, ancora oggi, sfocia tutto il suo amore per la Reggina e la città di Reggio.

”Ho vissuto più a Reggio che a casa mia ad Eboli – ha detto Belardi ai microfoni di Eleven Sports, all’interno della rubrica condotta da Jolanda De Rienzo Ho ricordi di grandi lotte, perchè salvarsi in Serie A o vincere il campionato di B con la Reggina era come vincere uno scudetto. Per anni abbiamo rappresentato il Sud in Serie A e la Calabria nel mondo, per me essere il portiere della Reggina era come essere il portiere della Nazionale e questo fa capire quanto è importante la maglia amaranto per me”.

Maglia amaranto con la quale fa il suo esordio in Serie A il 19 dicembre 1999. A San Siro. Contro il Milan. Parando un rigore a Shevchenko al 90′. Non proprio un esordio che si possa dimenticare facilmente…: ”Era il mio esordio in A ed il primo campionato della storia della Reggina in massima serie nel 1999 – racconta Belardi E’ stato un esordio storico per me, per la Reggina e soprattutto per i 10.000 reggini a San Siro. Già prima avevo fatto un errore e mezzo sui gol, l’emozione mi aveva un po’ fregato. Dopo la personalità mi ha dato una mano riscattandomi al 90′.”

Il rigore parato a Sheva ma non solo. L’ex portiere parla anche della sua ultima avventura in amaranto (nonché anno del suo ritiro): ”Nel gennaio 2015 tornai dall’India, convinsi Bruno Cirillo a tornare a Reggio, dove eravamo cresciuti, perchè la situazione era complicata. Ci salvammo vincendo il sentitissimo spareggio con il Messina, sapevo che sarebbe stata la mia ultima partita nel calcio giocato e che dunque avrebbe avuto un sapore speciale. Al termine di quella gara ci furono lacrime di gioia e di grande sofferenza”.

Ancora ricordi: ”Di anni belli con la Reggina ce ne sono stati tanti, magari, se dovessi scegliere, direi l’anno della seconda promozione dalla Serie B alla A (2001/02, ndr). Quell’anno feci 38 partite su 38 e parai tanti rigori, partimmo per vincere il campionato e ci riuscimmo. Fu un anno bello ma ricordo anche lo spareggio di Bergamo, San Siro, il pareggio di Napoli che ci permise di andare in Serie A, lo spareggio col Messina ecc…. Il mio percorso a Reggio Calabria è stato lunghissimo”.

E alla domanda di un eventuale ritorno in riva allo Stretto, Belardi risponde: ”Al di là del tornare come dirigente o meno, io alla Reggina ho giocato 15 anni, sono arrivato a Reggio a 13 anni ed ho giocato in tutte le categorie professionistiche. La Reggina sarà sempre la mia squadra del cuore e lo dice la storia, che dice che Emanuele Belardi è stato 15 anni nella Reggina, mettendoci sempre tutto se stesso con i fatti. La cosa che più mi rende felice è che la Reggina oggi è ad un passo dalla Serie B, che ha meritato sul campo”.

E a proposito di cadetteria, Belardi pensa che ”Reggina e Monza debbano indiscutibilmente andare in Serie B sia per quello che è stato fatto in campo sia per il verdetto che recita la classifica ad oggi visto il margine di vantaggio e le poche giornate al termine del campionato”. 

Poi il chiarimento su un eventuale futuro nella società amaranto: ”Diciamo che con il presidente Luca Gallo ci siamo sfiorati. Ci siamo incontrati, abbiamo parlato ma poi non si è concluso nulla…”

Infine un augurio a quella che, ormai, è diventata la sua seconda terra”Spero che la Reggina possa festeggiare la Serie B il prima possibile, mentre poi si potrà pensare ad un ottimo settore giovanile com’era un tempo e successivamente un futuro in Serie A, perchè la Reggina, Reggio e la Calabria meritano la massima serie”.

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

Seconda Categoria, si cerca di ripartire da Gennaio
Dilettanti

Seconda Categoria, si cerca di ripartire da Gennaio

02/12/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
“Si è svolta quest’oggi la riunione on line tra il CR Calabria e le società di Seconda Categoria. Alla presenza del Presidente Saverio Mirarchi, dei consiglieri regionali e dei delegati provinciali e distrettuali, hanno...
Brescia, l’ex Reggina Antonino Ragusa: “Serie B competitiva, inizia mese decisivo”
Reggina

Brescia, l’ex Reggina Antonino Ragusa: “Serie B competitiva, inizia mese decisivo”

02/12/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Nel Brescia prossima avversaria della Reggina sabato al Granillo milita Antonino Ragusa, ex della partita (in amaranto per 34 partite nella stagione 2011/2012), che arrivato alle rondinelle in estate oggi in conferenza ha...
La scelta di vita di Spanò e la certezza di Coscia: “Ogni sua decisione sarà un successo”
Serie B

La scelta di vita di Spanò e la certezza di Coscia: “Ogni sua decisione sarà un successo”

02/12/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
La storia di Alessandro Spanò, 26 anni, ex difensore e capitano della Reggiana promossa in serie B destò parecchio stupore. Il giovane calciatore, all’indomani del salto di categoria conquistato con gli emiliani ai playoff la...
L’agente Fifa Matteo Coscia a RNP: “Reggina squadra con valori che verranno fuori”
Reggina

L’agente Fifa Matteo Coscia a RNP: “Reggina squadra con valori che verranno fuori”

02/12/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Matteo Coscia è uno degli Agenti Fifa sul palcoscenico italiano maggiormente operativi, uno dei giovani procuratori sportivi di cui si parla un gran bene. Ai microfoni di Reggionelpallone, Coscia, commenta l’attuale...
Reggina-Brescia, Taibi: “Come una finale di Champions”
Reggina

Reggina-Brescia, Taibi: “Come una finale di Champions”

02/12/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Sette partite senza un successo, quattro sconfitte di fila, quintultimo posto in classifica, peggior inizio degli ultimi dodici anni con riferimento alle prime nove giornate di campionato. Le statistiche degli amaranto, dicono...