breaking news

La chiave tattica: Cade una Reggina presuntuosa

04/05/2010 12:29 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it

Quella con l’Ascoli, probabilmente, è stata la gara che Roberto Breda ha gestito peggio da quando siede sulla panchina amaranto. Anche in altre occasioni era andato in difficoltà (Lecce, Empoli, Crotone) mai come stavolta però il tecnico trevigiano aveva dato prova della propria inesperienza leggendo erroneamente il valore del punto che la Reggina stava portando a casa.

SCELTE – Breda ha preferito Vigiani a Barillà sulla destra, ha puntato ancora una volta sulla coppia atipica Brienza-Pagano ed ha confermato tutte le sue certezze: da Marino a Rizzato, dal terzetto difensivo a quello di centrocampo. Gli ha risposto Pillon con Micolucci per l’acciaccato Portin mentre Di Donato e Lupoli hanno vinto i rispettivi ballottaggi con Luci e Bernacci.

FASCE – E’ sulle corsie laterali che, specie all’inizio, s’è giocata la supremazia in campo. Rizzato, inizialmente timido pensava soprattutto a contenere ridiesgnando spesso la squadra in fase di possesso in un 4-4-2 con Adejo leggermente più largo a coprire le scorribande di Vigiani. L’esterno toscano saliva in posizione di ala destra con Missiroli largo sulla fascia opposta. Qualche volta la Reggina, con questo atteggiamento, riusciva anche a far male, sorprendendo alle spalle Giallombardo ed arrivando al cross ma, dopo un iniziale, brevissimo sbandamento, Pillon e l’Ascoli hanno trovato le contromisure.

LA MIGLIORE DIFESA – è l’attacco, diceva qualcuno. Così, per limitare il raggio d’azione di Vigiani, Pillon ha alzato la propria ala sinistra e ha cercato di metterlo in inferiorità numerica. Ha soprattutto cambiato i movimenti del suo esterno alto che, in fase di possesso, tagliava in diagonale facendo così accentrare Vigiani che lasciava la corsia libera per Giallombardo. Puntualmente, infatti, il giro-palla bianconero serviva il terzino non appena l’out si liberava con l’ex Messina che aveva la possibilità, complice la non eccelsa giornata di Carmona, di costringere Adejo ad abbandonare la marcatura ed uscire in pressing.

BREDA CAMBIA – Dopo aver subito il calcio dell’Ascoli per 15′ il tecnico amaranto conviene che sia il caso di ridisegnare la squadra in un più prudente 5-4-1 che non consenta più la superiorità numerica degli esterni bianconeri. Rizzato e Vigiani retrocedono stabilmente sulla linea dei difensori, Pagano abbandona il reparto offensivo tornando in posizione di ala destra con Missiroli sulla mancina, Brienza centravanti.

LA MOSSA PAGA – Perchè la Reggina non soffre più come in quella fase della gara e trova anche il gol che, complici i risultati degli altri campi, sancirebbe la salvezza. Poi arriva il pari di Antenucci e l’espulsione di Valdez. Costa rileva Pagano e gli amaranto passano al 3-5-1. A poco, però, contano i moduli se non c’è l’atteggiamento giusto ad accompagnarli. Far capire quale sia l’obiettivo, è cosa nota, è compito del tecnico. Che certamente con il campio Brienza-Bonazzoli a 2′ dalla fine non ha dato il giusto imput

UN ATTACCANTE – per un attaccante. Nonostante pochi minuti prima Lupoli avesse suonato l’allarme spedendo d’un soffio alto il pallone del k.o. La Reggina voleva ancora vincere ed ha perso, non s’è accontentata ed è stata piegata dagli episodi, dalla classe di Antenucci e da uno di quei buci difensivi che hanno ricordato perchè gli amaranto siano ancora coinvolti nell’inferno della lotta per non retrocedere. La Reggina resta infatti una squadra pronta a scoprire tutti i propri limiti se non garantisce massima attenzione e dedizione alla fase difensiva.

g.v.

LavagnaTattica

 

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

Serie D: Lamezia e Catania tentano l’allungo, un punto per Cittanova, Locri e San Luca
Dilettanti

Serie D: Lamezia e Catania tentano l’allungo, un punto per Cittanova, Locri e San Luca

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Anche la quarta giornata del Girone I di Serie D registra un successo per Lamezia Terme e Catania, ancora appaiate a punteggio pieno, ma mentre gli etnei si sono sbarazzati della Vibonese con un secco 3-0 con i gol di Vitale,...
Reggina-Cosenza, i precedenti: bilancio favorevole agli amaranto nel derby
Reggina

Reggina-Cosenza, i precedenti: bilancio favorevole agli amaranto nel derby

06/10/2022 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Quella in programma sabato pomeriggio sabato alle 16:15 sarà la 49esima edizione del match tra Reggina e Cosenza. Numeri alla mano il bilancio nel derby calabrese è favorevole agli amaranto, vittoriosi in ben 21 occasioni tra...
Reggina-Cosenza, il grande ex siede sulla panchina rossoblu
Reggina

Reggina-Cosenza, il grande ex siede sulla panchina rossoblu

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Sarà come un ritorno a casa per Davide Dionigi, che sabato si accomoderà su una panchina dello stadio “Granillo”, per la prima volta da avversario. Lui, che è stato amato dal popolo amaranto e ha scritto pagine...
Reggina, i precedenti con l’arbitro Valeri: un ex Internazionale per il derby
Reggina

Reggina, i precedenti con l’arbitro Valeri: un ex Internazionale per il derby

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Se non è considerabile come una celebrità nel mondo arbitrale italiano, poco ci manca. Paolo Valeri della sezione di Roma 2, l’arbitro designato per dirigere sabato il derby del “Granillo” tra Reggina e...
Eccellenza, Galati è il nuovo allenatore del Gioiosa Ionica
Dilettanti

Eccellenza, Galati è il nuovo allenatore del Gioiosa Ionica

05/10/2022 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
La società comunica di aver affidato la guida tecnica della prima squadra a Francesco Galati. Allenatore con tanti anni di esperienza sia in Eccellenza che in serie D dove ha guidato tra le altre il Soverato, il Guardavalle ed...