breaking news

Bepi Pillon,tra autentici miracoli e cocenti delusioni

30/04/2010 19:15 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it

GIUSEPPE PILLON
Nato a Preganziol (Treviso) l’8 Febbraio 1956.

 

Stile, eleganza e totale devozione al 4-4-2: questa in estrema sintesi la figura di Giuseppe “Bepi” Pillon, che in riva allo Stretto tutti ricorderanno non tanto per la brevissima parentesi in amaranto, quanto per il meraviglioso gesto di fari play andato in scena durante Ascoli-Reggina di quest’anno.

La carriera da calciatore- A dispetto di un inizio promettentissimo, che lo vide approdare non ancora 18enne nelle giovanili della Juventus, il percorso come giocatore non si può certo definire di primissimo livello. Dopo il breve sogno a tinte bianconere infatti, Pillon girerà l’Italia settentrionale tra serie C1 e serie C2, cambiando ben 9 squadre (l’esperienza più lunga, coincide con i 4 anni di Padova), con le quali centrerà comunque 4 promozioni. Tra i successi, da ricordare in particolare la promozione con lo Spezia, con una compagine che riuscì a vincere incredibilmente il campionato, nonostante fosse rimasta senza stipendio per parecchi mesi, Chiuderà la carriera a 36 anni, con i dilettanti del Pro Mogliano.

Palmares- 4 promozioni dalla C2 alla C1 (Padova 80-81, Padova 82-83, Asti 83-84 e Spezia 85-86), e una coppa Italia di C (Padova 79-80).

La carriera da allenatore– Dopo un inizio coi Dilettanti del Bassano, l’incredibile boom arriva nel 1994 a Treviso, dove Pillon veste i panni dello straordinario “profeta in patria”, portando i biancoazzurri in soli 3 anni dai Dilettanti alla serie B. Il 4-4-2 del trainer trevigiano, fatto di giocate in velocità e continui inserimenti sulle fasce, incanta un po’ tutti, convincendo il Padova ad ingaggiarlo nel 97-98: stavolta le cose vanno male, e per Pillon arriva l’esonero a vantaggio di Colautti. L’avventura in panchina del tecnico goriziano tuttavia, anziché subire un rallentamento vive una grande impennata, visto che nel 98-99 arriva la chiamata in una piazza blasonata come Genova: anche in Liguria però, si registra il triste epilogo dell’esonero, con Cagni che prende il suo posto. La mazzata finale, potrebbe arrivare tra il 99 e il 2000-2001, annate contraddistinte da una risicata salvezza in C1 a Lumezzane, e da un altro esonero a Pistoria, sempre in C1, dove gli subentra Mimmo Caso.

Tre esoneri in 4 anni rappresentano un fardello decisamente ingombrante, ma nel 2001-2002 l’Ascoli gli concede fiducia: scelta quanto mai azzeccata, visto che Pillon riporterà i bianconeri in serie B, lanciando verso grandi palcoscenici Andrea Barzagli,e ottenendo la stagione seguente una tranquilla salvezza sempre nelle Marche. Tra il 2003 e il 2005, arrivano prima una “nuova macchia” (retrocessione dalla B alla C col Bari, al termine dei playout col Venezia) e poi una storica promozione in serie A, conquistata grazie al ritorno a Treviso: Pillon subentra in corsa a D’Astoli, entusiasmando con ll’imprendibile coppia-gol Barreto-Reginaldo e ottenendo la massima serie nonostante la sconfitta nei playoff, a causa dei contemporanei fallimenti di Torino e Perugia.

Nel 2006, il miracolo Chievo: anche al Bentegodi il gioco targato Pillon torna ad incantare per bellezza e praticità, e porta i clivensi addirittura ai Preliminari di Champion’s League, persi nella doppia sfida col Braga. Un debutto in A folgorante dunque, anche se la seconda stagione in gialloblù coinciderà con il 4° esonero in carriera (panchina gialloblù affidata a Del Neri). Nel 2007-2008,  il ritorno-bis  a Treviso non è certo entusiasmante (salvezza in extremis in B,con una squadra costruita per vincere il campionato), mentre nel 2008-2009 incassa il 5° esonero proprio a Reggio Calabria, con Foti che richiama Nevio Orlandi dopo che la Reggina di Pillon aveva racimolato appena 1 punto in 4 gare.  Da quest’anno è nuovamente ad Ascoli, dove ha preso il posto del silurato Alessandro Pane, portando fuori dalle zona pericolo i bianconeri e vincendo il sentitissimo derby di Ancona.

Palmares- 1 Promozione dal Cnd alla C2 (Treviso 94-95), 1 Promozione dalla C2 alla C1 (Treviso 95-96), 2 promozione dalla C1 alla B (Treviso 96-97 e Ascoli 2001-2002), 1 Promozione dalla B alla A (Treviso 2004-2005), una qualificazione in Coppa Uefa (Chievo 2005-2006).

I precedenti con la Reggina- 2 vittorie (doppio successo col Chievo nel 2005-2006,1-3 a Reggio e 4-0 a Verona) e 2 sconfitte (3-0 interno per gli amaranto sul Padova nel 97-98, e 1-3 esterno quest’anno ad Ascoli).

Ferdinando Ielasi
pillonbepi

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

Serie D: Lamezia e Catania tentano l’allungo, un punto per Cittanova, Locri e San Luca
Dilettanti

Serie D: Lamezia e Catania tentano l’allungo, un punto per Cittanova, Locri e San Luca

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Anche la quarta giornata del Girone I di Serie D registra un successo per Lamezia Terme e Catania, ancora appaiate a punteggio pieno, ma mentre gli etnei si sono sbarazzati della Vibonese con un secco 3-0 con i gol di Vitale,...
Reggina-Cosenza, i precedenti: bilancio favorevole agli amaranto nel derby
Reggina

Reggina-Cosenza, i precedenti: bilancio favorevole agli amaranto nel derby

06/10/2022 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Quella in programma sabato pomeriggio sabato alle 16:15 sarà la 49esima edizione del match tra Reggina e Cosenza. Numeri alla mano il bilancio nel derby calabrese è favorevole agli amaranto, vittoriosi in ben 21 occasioni tra...
Reggina-Cosenza, il grande ex siede sulla panchina rossoblu
Reggina

Reggina-Cosenza, il grande ex siede sulla panchina rossoblu

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Sarà come un ritorno a casa per Davide Dionigi, che sabato si accomoderà su una panchina dello stadio “Granillo”, per la prima volta da avversario. Lui, che è stato amato dal popolo amaranto e ha scritto pagine...
Reggina, i precedenti con l’arbitro Valeri: un ex Internazionale per il derby
Reggina

Reggina, i precedenti con l’arbitro Valeri: un ex Internazionale per il derby

06/10/2022 | A cura di Domenico Geria
Se non è considerabile come una celebrità nel mondo arbitrale italiano, poco ci manca. Paolo Valeri della sezione di Roma 2, l’arbitro designato per dirigere sabato il derby del “Granillo” tra Reggina e...
Eccellenza, Galati è il nuovo allenatore del Gioiosa Ionica
Dilettanti

Eccellenza, Galati è il nuovo allenatore del Gioiosa Ionica

05/10/2022 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
La società comunica di aver affidato la guida tecnica della prima squadra a Francesco Galati. Allenatore con tanti anni di esperienza sia in Eccellenza che in serie D dove ha guidato tra le altre il Soverato, il Guardavalle ed...