breaking news

Accadde oggi: Cascione ko, Parma-Reggina decisa da un…accendino

Accadde oggi: Cascione ko, Parma-Reggina decisa da un…accendino
Reggina
21/01/2020 08:02 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
A spasso nel tempo, per rivivere la storia dei colori amaranto. 21 gennaio 1990,a decidere Parma-Reggina è la giustizia sportiva

21 gennaio 1990, campionato di serie B, prima giornata di ritorno. Sono anni in cui a Reggio Calabria si respira calcio in ogni angolo della città, il popolo amaranto sogna il primo storico salto nella massima serie, soltanto sfiorato nella stagione passata, sotto la guida di Scala. Parma-Reggina è una gara importantissima non solo sotto l’aspetto della classifica, che vede i gialloblù secondi (nonostante la sconfitta interna col Pisa) e gli amaranto quarti.

A guidare gli emiliani infatti, adesso c’è proprio quel Nevio Scala che per due anni fece impazzire di gioia ed entusiasmo la città dello Stretto, e che in questa nuova avventura ha portato uno dei protagonisti di quella meravigliosa squadra, ovvero Tarcisio Catanese. Come se non bastasse, nel precedente campionato cadetto una lanciatissima Reggina perse malamente al Tardini contro un Parma che non aveva nulla da chiedere, sprecando una importantissima chances nella lotta alla promozione: a fine gara, una parte delle migliaia di reggini al seguito si macchiò di gravi incidenti, che portarono alla diffida del vecchio Comunale, squalificato una settimana dopo al termine della sfida casalinga col Licata.

cascione2Anche questa volta, al Tardini si presentano almeno 4.000 sostenitori calabresi, lo stadio offre un colpo d’occhio da categoria superiore. La compagine di Bruno Bolchi gioca un ottimo primo tempo, controllando senza alcun affanno gli attacchi avversari e passando in vantaggio a ridosso dell’intervallo. A quel punto, succede di tutto. Prima l’attenzione dei presenti si rivolge verso il settore reggino, dove vengono invocati i soccorsi: nell’esultanza per il gol infatti, un tifoso amaranto era scivolato dalla balaustra, e per soccorrerlo è necessario il pronto intervento dell’ambulanza, che lo porterà d’urgenza in ospedale (per fortuna, il ragazzo se la caverà, riportando solo una frattura). Da lì a poco, all’altezza della gradinata parte un fitto lancio di oggetti da parte di alcuni sostenitori locali, fin quando Armando Cascione, stopper amaranto (in riva allo Stretto giocherà tanti anni dopo anche suo figlio, Emmanuel) si accascia a terra colpito da un accendino. Sono momenti concitatissimi, con Cascione che prova a riprendersi ma perde nuovamente i sensi  mentre le squadre fanno rientro negli spogliatoi.

SCAN_20150205_223811246La ripresa comincia senza il difensore (anch’esso trasportato in ospedale a causa di una microfrattura al naso) e prosegue  in un clima veramente surreale. Il Parma ribalta il punteggio grazie a due calci di rigore trasformati da Pizzi (il primo, decisamente generoso…) ma la netta sensazione è che non sia finita lì. La società presieduta all’epoca da Pino Benedetto, presenta ricorso, chiedendo il 2-0 a tavolino. Il Giudice Sportivo accoglie la tesi del club amaranto, ma la Disciplinare accoglie invece quella del Parma, secondo la quale la microfrattura nasale riscontrata a Cascione era antecedente alla partita in oggetto, e quindi non causata dall’accendino che lo colpì. L’ultima parola spettò alla Caf, che il 21 aprile del 1990 diede vita al verdetto definitivo: Parma-Reggina 0-2 a tavolino, grazie a quel risultato Simonini e compagni tornarono in corsa per la promozione, quando alla fine mancavano 7 giornate.

Per la cronaca, gli amaranto non riuscirono nell’impresa, mentre il Parma di Scala, viceversa, conquistò l’olimpo del calcio italiano per la prima volta nella sua storia.

Di seguito, il tabellino di quel Parma-Reggina

SERIE B 1989-1990, 1^ giornata di ritorno (21/1/1990)

PARMA-REGGINA 0-2 a tavolino (2-1 sul campo)

Parma : Zunico, Donati, Gambaro, Minotti, Apolloni, Monza, A. Melli (45′ st Ganz), Pizzi, Osio, Catanese, Zoratto. Allenatore: Scala.

Reggina : Rosin, Bagnato, Cascione (1′ st Granzotto, 35’ st  Zanin), Armenise, Pozza, Pergolizzi, De Marco, Maranzano, Paciocco, Orlando, Simonini. Allenatore: Bolchi.

Arbitro: Di Cola di Avezzano.

Marcatori: 43’ pt De Marco (R), 5′ st rig. e 26′ st rig. Pizzi.

Note- Spettatori 12.000 circa, di cui 4.000 ospiti.

* Le foto all’interno dell’articolo, sono tratte dal sito settorecrociatoparma.it

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

Serie C, il girone B: Vicenza, che succede? Poker Triestina e Cesena, flop Padova
Lega Pro

Serie C, il girone B: Vicenza, che succede? Poker Triestina e Cesena, flop Padova

18/02/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Un altro week end ricco di sorprese nel girone B. La capolista Vicenza rimedia il terzo pareggio consecutivo, e questa volta la Reggiana ne approfitta, portandosi a -4. Attenzione anche al Carpi, a -5 dopo aver vinto contro il...
Serie C, il girone A: il Monza si ferma, l’Albinoleffe punta i playoff
Lega Pro

Serie C, il girone A: il Monza si ferma, l’Albinoleffe punta i playoff

18/02/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
La vittoria della Carrarese sul Renate nel posticipo, ha chiuso il 26esimo turno del girone A. I toscani di Silvio Baldini tornano al terzo posto, ma la notizia del giorno è la sconfitta per di più in casa, del Monza, battuto...
A mente fredda: quel bunker che non concede nulla…
Reggina

A mente fredda: quel bunker che non concede nulla…

17/02/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Se nella metà campo avversario la Reggina ha fatto una fatica enorme (clicca qui), è pur vero che nella propria ha concesso le briciole. L’unica disattenzione nei 90 minuti del Massimino, è arrivata in apertura, sul...
A mente fredda: quella luce che non si è accesa…
Reggina

A mente fredda: quella luce che non si è accesa…

17/02/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Una lotta continua, senza però riuscire a creare pericoli alla porta degli avversari. Al Massimino di Catania la Reggina si è vista negare un rigore clamoroso, ma l’episodio in sé non può bastare a...
Serie C girone C, valzer delle panchine: allenatori senza pace…
Lega Pro

Serie C girone C, valzer delle panchine: allenatori senza pace…

17/02/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Bruno Tedino, esonerato ieri dal Teramo, va ad allungare l’elenco di quella che anche quest’anno è diventata un’autentica “carneficina degli allenatori”. Gli abruzzesi, che per il prosieguo hanno...