breaking news

A tu per tu con…Christian Puggioni

A tu per tu con…Christian Puggioni
Reggina
05/10/2019 00:00 | A cura di Ferdinando Ielasi
L'ex portiere amaranto a ReggioNelPallone: "Peccato non essere tornati in A, ma ci è rimasto l'orgoglio di aver fatto tornare la gente ad innamorarsi della Reggina".

Cittadino onorario di Reggio Calabria, ma soprattutto portiere che ha messo al servizio della Reggina enorme tecnica, carisma ed attaccamento alla casacca amaranto. Christian Puggioni è il nuovo ospite della rubrica “A tu per tu”….

Sono passati otto anni dalla tua ultima esperienza in riva allo Stretto. Stai seguendo il recente corso degli amaranto?

“Certo che sto seguendo il percorso della Reggina, l’ho fatto anche negli anni precedenti. Credo che anche io ho contribuito a dare qualcosa alla storia del calcio a Reggio, i colori amaranto ed i reggini non li ho mai dimenticati. Adesso vedo che le cose stanno andando a gonfie vele, e non posso che esserne felice…”.

Più importante la salvezza incredibile del 2006/2007, oppure la stagione 2010/2011, che ti ha visto tra i protagonisti assoluti?

“Sono entrambe importanti. Nel 2007, salvandoci con undici punti di penalizzazione, abbiamo fatto qualcosa che resta di diritto nella storia. Da chi era titolare fisso a chi stava in panchina, tutti hanno dato il loro contributo, mettendoci il cuore giorno dopo giorno. Nel 2010/2011 ho dato una grossa mano sia in campo che nello spogliatoio, ed anche quello era un gruppo vero, che dava tutto. Peccato per l’epilogo amarissimo, ma ci resta la soddisfazione di aver fatto tornare la gente ad innamorarsi della Reggina”…

Il ricordo più bello e quello più brutto dei tuoi tre campionati a Reggio Calabria?

Il ricordo più bello è difficile dirlo, ce ne sono veramente tantissimi. Il ricordo più brutto invece, è la partita di Coppa con la Carrarese. Sapevo che da lì a poco sarei andato via da Reggio, la trattativa tra Foti ed il Chievo era conclusa. Ho vissuto quella serata con malinconia e tristezza, perché il mio primo obiettivo era quello di dare una mano a completare quello che stavamo facendo l’anno prima, invece di andare in un’altra squadra dove non sapevo neanche se sarei stato il portiere titolare. La Reggina però doveva dare la priorità al bilancio c’era la necessità di monetizzare, ed a quel punto non ho avuto scelta…

Mi aspettavo che sul ricordo più brutto mi rispondessi Novara…

Novara viene subito dopo. Sono stati momenti bruttissimi, infernali. Ancora me li sogno di notte, li rivivo nei miei incubi. Io che grido a Giacomo Tedesco di andare a battere quel calcio d’angolo per perdere tempo, lui che mi dice di non farcela perché è stremato. Sul pallone ci è andato Sarno, che si è fatto prendere dall’esuberanza ed ha giocato la palla invece di passarla ad un compagno e tenerla il più possibile. Eravamo quasi al 90′. Subito dopo quel cross dalla destra, proprio nella zona dove era stato espulso Colombo, il pallone respinto  prima di finire sui piedi di Rigoni, che si è inventato quel tiro imparabile e ci ha negato un traguardo che avremmo strameritato.

Fa un certo effetto vedere un portiere del tuo valore nella lista svincolati…

Avevo un altro anno di contratto col Benevento, poi la conduzione tecnica ha deciso per uno svecchiamento della rosa ed allora ho rescisso.

Questa estate, alcuni rumors di mercato ti hanno dato nel mirino della Reggina. Cosa c’è di vero?

Nulla, non c’è stato proprio nessun contatto. Non ti nego che mi sarebbe piaciuto sedermi ad un tavolo con un Presidente come Luca Gallo, che ha riportato entusiasmo a Reggio ed ha fatto investimenti importanti.

Il Puggioni 2.0? Tornerai a giocare o sceglierai altri percorsi, come quello che può offrirti la laurea in giurisprudenza?

Ad oggi ho preso il patentino di allenatore base ed ho seguito un master come direttore sportivo. Potrei anche tornare ad indossare i guantoni, ma solo se ne valesse la pena, se arrivasse una chiamata dove il rispetto e la dignità professionale vengono prima di tutto.

Ferdinando Ielasi
Giornalista pubblicista, Direttore Responsabile di Rnp. Già collaboratore di Calabria Ora, da settembre 2014 conduce Tutti figli di Pianca su Radio Touring 104.

Ultime News

[AUDIO] La SALA STAMPA del calcio calabrese: le interviste di Universo Dilettanti
Dilettanti

[AUDIO] La SALA STAMPA del calcio calabrese: le interviste di Universo Dilettanti

27/01/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Una collaborazione che va avanti da anni e che si arricchisce di un ulteriore contenuto, fruibile dalle migliaia di appassionati che visitano quotidianamente il nostro portale. Anche per la stagione 2019/2020, la più importante...
Ex amaranto: il Cesena esonera Modesto e pensa a Cevoli…
Reggina

Ex amaranto: il Cesena esonera Modesto e pensa a Cevoli…

27/01/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
La brutta sconfitta di Trieste (4-1 il punteggio finale) è costata la panchina a Ciccio Modesto, esterno sinistro della Reggina negli anni d’oro della serie A. Modesto era stato scelto dal club romagnolo, fresco di ritorno...
Serie C, il girone A: Monza show, + 15! Pari e rimpianti per l’ex Reggina Gregucci
Lega Pro

Serie C, il girone A: Monza show, + 15! Pari e rimpianti per l’ex Reggina Gregucci

27/01/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Si tinge sempre più di biancorosso, il girone A di serie C. Nella sfida tra ex Milan Brocchi-Gilardino, la capolista Monza vince anche in casa della Pro Vercelli, portandosi addirittura a +15 dal Pontedera, reduce dall’1-1...
Prima Categoria D, la classifica marcatori: corsa a tre…
Dilettanti

Prima Categoria D, la classifica marcatori: corsa a tre…

27/01/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Tre bomber, per un totale di 45 gol. A comandare la classifica del girone D adesso ci sono Ciccio Marino (tripletta in Borgo-San Roberto Fiumara), Antonio Carbone (doppietta in Deliese Bianco) e Salvatore Modafferi (doppietta in...
Reggina, il migliore di RNP: Denis bomber-guerriero
Reggina

Reggina, il migliore di RNP: Denis bomber-guerriero

27/01/2020 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Tre gol in tre partite, per un calciatore che con la serie C c’entra poco o nulla. Nè Antenucci né Corazza, nella supersfida tra Reggina e Bari a mettere il sigillo del bomber è stato German Denis: una torsione...