breaking news

Commovente Viola: tra mille difficoltà, espugnato anche il PalaMoncada

Commovente Viola: tra mille difficoltà, espugnato anche il PalaMoncada
Viola
15/04/2018 19:56 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Una Super-Viola espugna anche il PalaMoncada grazie ad una prestazione di cuore e nervi nonostante l'assenza di Pacher, e può ancora sperare nel miracolo.

Non ci sono più parole per descrivere quello che stanno facendo questi ragazzi. Oltre la fideiussione, oltre l’assenza di Pacher, il cuore della Viola pulsa oggi più forte che mai: quarta vittoria esterna consecutiva, anche Agrigento si deve arrendere sotto i colpi di una squadra che sta facendo impazzire i propri sostenitori giornata dopo giornata. Al PalaMoncada termina 86-88 per un successo che permette ancora di sperare nel miracolo.

Partono forte i padroni di casa con una percentuale al tiro a dir poco perfetta (a segno le prime cinque conclusione degli agrigentini), mentre i neroarancio soffrono la pesante assenza di Pacher sotto le plance. Sul facile lay-up di Evangelisti, Calvani è costretto a chiamare time-out per provare a fermare la prolungata emorragia, quando il tabellone recita 12-4 dopo cinque minuti di gioco. E’ ancora Agrigento però a comandare le danze, con la coppia Zilli-Cannon inarrestabile nel pitturato. Poche idee in attacco e molta confusione in difesa, la Viola scivola ben presto sotto la doppia cifre di vantaggio (23-12). Con un mini parziale di 7-3, i reggini ricuciono in parte il gap e terminano la prima frazione sotto di otto lunghezze, 26-18. Grande prestazione al tiro per i locali, 11/18 per Evangelisti e soci; gli uomini di Calvani pagano la troppa leggerezza sotto canestro e la supremazia a rimbalzo degli avversari.

Calvani in emergenza prova a pescare dalla panchina e getta nella mischia subito Taflaj e Carnovali. E’ Rossato che però, grazie alla sua consueta energia, cerca di dare una scossa alla partita, grazie ad un ottimo fallo antisportivo subito. La Viola non capitalizza ed Agrigento ringrazia, trainata da un Williams on-fire, ed ecco presto ristabilita la doppia cifra di vantaggio (35-24 al 15′). Ma i neroarancio, come spesso ci hanno abituato quest’anno, non mollano mai. Baldassarre e Rossato si caricano la squadra sulla spalle e propiziano un parziale di 6-0 con cui si riavvicinano a contatto sul meno 5. I ragazzi di Calvani hanno cambiato faccia, soprattutto in difesa, aumentando l’aggressività e limitando i canestri facili agli avversari. Non si segna più al PalaMoncada: la Viola continua ad oscurare magistralmente il canestro agli avversari ma, di contro, sbaglia molti tiri aperti in attacco, soprattutto dalla lunga distanza. Il parziale di 8-17 sorride comunque agli ospiti, che chiudono il primo tempo in svantaggio solo di due punti, 43-41.

Super partenza della Viola al rientro dagli spogliatoi, due triple in fila di Baldassarre e Roberts che valgono il primo vantaggio ospite del match, 43-47. Parziale aperto di 8-0 che costringe coach Ciani a chiamare time-out, con i suoi ancora a secco di punti dopo più di tre minuti di gioco. L’inerzia adesso è tutta per gli ospiti, che finalmente sembrano aver trovato le giuste misure in difesa. Agrigento non ci sta e, grazie anche alla spinta del proprio pubblico, rientra in partita con un perentorio 6-0 che vale il 53-53. Dopo una serie di parziali e contro-parziali, la partita si è assestata ora sui binari dell’equilibrio, con Agrigento che termina la frazione in vantaggio di una sola lunghezza, 60-59. Partita viva ed aperta ad ogni risultato, ultimo quarto che risulterà decisivo.

Si entra nella fase clou, la tensione è alta ed il punteggio appare più che mai incerto. Prova a scuotersi la Viola con una bella tripla dall’angolo di Capitan Fabi, a segno finalmente dopo tanti tentativi vani. Agrigento spara anche molto a salve ed il tabellone resta ancora inchiodato in piena parità (66-66). Sale l’intensità in campo, le squadre rispondono bene colpo su colpo e nessuna delle due compagini sembra voler mollare anche solo di un centimetro. Sono i neroarancio a spezzare questo apparente equilibrio con un 6-0 da urlo a firma di Fabi e Roberts, che fa letteralmente esplodere il rumoroso spicchio di sostenitori reggini giunti come sempre a celebrare i propri colori in ogni palazzetto. Baldassarre suggella il massimo vantaggio sul più 7 (74-81) quando manca più di un minuto alla fine. Tutto finito? Neanche per idea. Agrigento in un ameno produce un parziale di 5-0 che riporta gli uomini di Ciani in partita per un finale non adatto ai deboli di cuore. Ma è tutto fumo negli occhi. La Viola è implacabile dalla lunette e le ultime preghiere agrigentine si spengono sul ferro. Termina 86-88.

Marco Iurato

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

A tu per tu con…Sandro Santoro
Viola

A tu per tu con…Sandro Santoro

25/04/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
304 presenze con la canotta neroarancio addosso, il capitano dei capitani. Avete capito di chi stiamo parlando? Ovviamente di Sandro Santoro, uno degli ultimi esempi di bandiere nel mondo dello sport. Leggi il suo nome e...
Reggina, Taibi: “L’amaranto l’ho portato sempre nel cuore, i Praticò hanno voglia di far bene”
Reggina

Reggina, Taibi: “L’amaranto l’ho portato sempre nel cuore, i Praticò hanno voglia di far bene”

24/04/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Reggio nel cuore, ma è presto per sbilanciarsi circa un ritorno di fiamma riguardante un amore mai tramontato. Massimo Taibi, candidato numero uno a ricoprire il ruolo di direttore sportivo per la stagione 2018/2019, è stato...
Bagnarese, Tripodi: “L’obiettivo è sempre l’Eccellenza. Ci proveremo fino alla fine”
Promozione

Bagnarese, Tripodi: “L’obiettivo è sempre l’Eccellenza. Ci proveremo fino alla fine”

24/04/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Bagnarese doc, il centrocampista Mirko Tripodi, dopo un girovagare tra Bagnara, Locri e Villa San Giovanni, ha fatto nuovamente ritorno in patria quest’anno per dare una mano ai suoi e provare a conquistare la tanto...
Serie D girone I, le decisioni del giudice sportivo
Serie D

Serie D girone I, le decisioni del giudice sportivo

24/04/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
SQUALIFICHE CALCIATORI 3 turni: Fontana (Ercolanese) 1 turno: Meo (Messina), Marino (Paceco), Calabrese, Fichera (Palazzolo), Bruno (Sancataldese), El Ouazni (Ercolanese), Sapone (Cittanovese), Marinali (Gela), Russo (Nocerina),...
Serie C girone C, le decisioni del giudice sportivo
Serie C

Serie C girone C, le decisioni del giudice sportivo

24/04/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Nessuno squalificato in casa Reggina in vista della prossima partita di campionato fuori casa contro la Sicula Leonzio. Siciliani che dovranno fare a meno invece del portiere Narciso, espulso nel match contro la Paganese per...