breaking news

Reggina, Maurizi: “Mi assumo tutte le responsabilità, dopo il gol abbiamo perso la testa”

Reggina, Maurizi: “Mi assumo tutte le responsabilità, dopo il gol abbiamo perso la testa”
Reggina
11/03/2018 17:30 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Le parole del tecnico amaranto, Agenore Maurizi, nel post-gara di Reggina-Monopoli dalla sala stampa del Granillo.

SERIE C GIRONE C, 29^ GIORNATA

Reggina-Monopoli 1-2 (17′ Bianchimano (R), 33′ Genchi (M), 77′ Mangni (M))

Agenore Maurizi (allenatore Reggina): “Sulla catena di destra abbiamo sofferto parecchio. Dopo il gol di Bianchimano, paradossalmente, abbiamo iniziato a subire. Il secondo tempo con lo spostamento di Castiglia e l’ingresso di Provenzano siamo tornati in equilibrio, ma l’occasione del gol ci ha tagliato le gambe. Volevamo fare una partita più tonica ed aggressiva, ma abbiamo perso a prescindere dal valore del nostro avversario. Tutti eravamo consapevoli dell’importanza della partita, anche i calciatori: sono più arrabbiato di quanto pensiate. Non abbiamo fatto così male in mezzo al campo, abbiamo fatto più male sulla fascia destra. Ci hanno saltati sistematicamente e le loro punte ci hanno messo in difficoltà più di quanto ci aspettassimo. Quando si perde c’è sempre un colpevole ed è il tecnico. E’ normale che chi fa questo mestiere vada incontro ad un ordine di responsabilità. Metto tutto me stesso nel fare quello che faccio, do il 110% per fare bene. Ho fatto uscire Bianchimano perché credevo non ne avesse più, è un cambio tattico. Da qui alla fine dobbiamo cercare di fare più punti possibili, giocando con più rabbia agonistica. Non siamo stati in grado di gestire il vantaggio ancora una volta. Dopo il gol nostro abbiamo perso un po’ la testa paradossalmente. Mi assumo tutte le responsabilità, non voglio creare messaggi fuorvianti, ma una squadra così giovane quando perde la testa è difficile riprenderla”.

(fonte Radio Gamma)

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

Gli occhi dell’Eccellenza sul “Tarsitano”: si ripete Paolana-Corigliano
Dilettanti

Gli occhi dell’Eccellenza sul “Tarsitano”: si ripete Paolana-Corigliano

12/12/2018 | A cura di Domenico Geria
Si rigioca questo pomeriggio il match tra Paolana e Corigliano, match terminato sul 2-2 a fine novembre, per il quale è stata ordinata la ripetizione a causa di un errore tecnico del direttore di gara, il quale aveva espulso un...
Serie D, turno infrasettimanale: gare interne per Cittanovese e Locri, trasferte per Palmese e Roccella
Dilettanti

Serie D, turno infrasettimanale: gare interne per Cittanovese e Locri, trasferte per Palmese e Roccella

12/12/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Si giocherà quest’oggi l’ultimo turno infrasettimanale dell’anno nel Girone I di Serie D, per l’esattezza sarà la giornata numero 15, terzultima di andata. Il momento favorevole della Cittanovese, reduce...
Mancato pagamento contributi, ufficiale il deferimento per la Reggina
Reggina

Mancato pagamento contributi, ufficiale il deferimento per la Reggina

11/12/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
La notizia non è certo di quelle che stupiscono, ma rappresenta in ogni caso l’ennesima certificazione delle croniche difficoltà in cui versa la Reggina. Era notizia ormai risaputa che il club dello Stretto, lo scorso...
Reggina-Cavese, i convocati di mister Cevoli
Reggina

Reggina-Cavese, i convocati di mister Cevoli

11/12/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Torna Tulissi nella lista dei convocati di mister Cevoli. Superati i problemi fisici, l’ala di proprietà dell’Atalanta è abile ed arruolabile. Discorso differente per Zivkov, ancora una volta fuori per scelta...
Cavese, l’abbraccio di squadra e tifosi a fine partita nel nome di Catello Mari
Serie C

Cavese, l’abbraccio di squadra e tifosi a fine partita nel nome di Catello Mari

11/12/2018 | A cura di Filippo Mazzù
Non è passato inosservato due anni e mezzo fa. Non lo sarà, con ogni probabilità, neanche domani. Perchè a fine partita tifosi e calciatori si stringono in un abbraccio simbolico. Nel nome di Catello Mari. Facciamo un passo...