breaking news

Reggina, Di Filippo: “Dimentichiamo l’Akragas, ci aspettano quattro finali”

Reggina, Di Filippo: “Dimentichiamo l’Akragas, ci aspettano quattro finali”
Reggina
06/12/2017 16:28 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Il difensore ne è sicuro, gli amaranto usciranno fuori dal momento delicato: "Abbiamo analizzato gli errori commessi, cercheremo di recuperare sin da subito".

Cancellare il periodo negativo e tornare ad essere la squadra ammirata da tutti fino alla partita col Catania. Questo l’imperativo in casa Reggina, dopo l’inopinata sconfitta contro l’Akragas. A suonare la sveglia, con parole da vero leader, è Nicolas Di Filippo.

Di seguito, tutti i passaggi della conferenza stampa tenuta oggi dal difensore al centro sportivo Sant’Agata.

FEELING IMMEDIATO-Come ho già detto nella conferenza stampa di presentazione, appena ho saputo dell’interesse della Reggina ho preso l’aereo per venire qua e firmare il contratto , una piazza del genere non si può rifiutare. Da quando sono qui hanno pienamente soddisfatto tutte le mie aspettative, spero di contribuire alla crescita di questa società. Siamo in linea con le aspettative di inizio stagione, però questo non significa che non possiamo fare meglio. L’obiettivo è migliorarci partita dopo partita. Fin dal primo giorno seguiamo il mister, siamo un gruppo giovane ma con la testa sulle spalle e sono sicuro che ci toglieremo belle soddisfazioni.

LO STOP DEL DE SIMONELa sconfitta di Siracusa contro l’Akragas? Sicuramente non è stata la nostra miglior prestazione, ma loro hanno fatto battaglia dal primo all’ultimo minuto. A volte le squadre penalizzate si danno per spacciate, ma vi assicuro per esperienza personale che non è così. Nel primo tempo abbiamo provato a sbloccarla, ma non ci siamo riusciti anche per errori nostri. Nella ripresa invece, abbiamo preso gol al loro primo tiro, ed è stata dura. Abbiamo analizzato tutti gli errori commessi, pensiamo alla prossima e cercheremo di recuperare già da subito.

FUORI DAL TUNNEL- A me piace molto giocare il pallone, fa parte anche dei concetti calcistici del mister ed io in questo mi trovo benissimo. Poi dipende anche dai campi, a Siracusa si poteva fare perché il sintetico è nuovo, mentre altre volte è più difficile. Le dichiarazioni di mister e presidente dopo la sconfitta di domenica? Li capisco, so quanto ci tengono ai nostri risultati. Noi proviamo sempre a dare il massimo, a volte capita che non ci riesci, ma se loro hanno reagito in questo modo vuol dire che ce lo meritiamo e dobbiamo migliorare in tante cose. E’ chiaro che quando i risultati non arrivano ci sono delle tensioni, ma noi abbiamo il nostro credo che è quello del lavoro. Dobbiamo lavorare e seguire il mister, usciremo da questo periodo il promo possibile. Fosse per me affronterei la Sicula già domani.

QUATTRO FINALI-Bisogna risollevare il morale, che sicuramente è un pò basso, ed affrontare questa partita come una finale, anzi da qui alla sosta abbiamo quattro partite che saranno tutte finali, e ci aiuteranno a capire chi siamo e come potremo affrontare questo campionato. Il cambio di allenatore della Sicula deve essere una motivazione in più, sappiamo che sarà una partita durissima ma cercheremo di spuntarla in tutti i modi. Loro hanno un organico importante e non meritano di stare in questa situazione.

GRUPPO UNITO-Tazza è un ragazzo splendido, che dal primo allenamento sta dando il cento per cento e riceve i complimenti di tutti, perchè quando si gioca poco non è facile dare sempre il massimo. Invece lui, come altri ragazzi che stanno trovando meno spazio, si stanno comportando benissimo e danno sempre l’anima, sono convinto che quando chiamati in causa daranno tutti un grosso contributo. De Francesco e Bianchimano? Per noi sono elementi importanti, a Siracusa sono sicuramente mancati ma chi li ha sostituiti ha fatto bene; speriamo che il loro ritorno ci dia una mano già domenica…

AMNESIE DIFENSIVE-Tutti i giorni cerchiamo di fare gol su palla inattiva, allenandoci ore e ore. Fino ad ora i risultati sono stati scarsi, ma l’unica cosa da fare è continuare ad allenarci come stiamo facendo e sfruttare le indicazioni che ci da il mister partita dopo partita. Il gol dell’Akragas? E’ un errore di tutta la squadra, compresa la gestione del pallone precedente: abbiamo fatto una scelta che il mister non vuole, tutti noi come difesa abbiamo sbagliato a lasciare Laezza troppo solo con l’avversario. Se la difesa a volte appare sguarnita, è perché siamo una squadra che vuole sempre controllare il gioco e vuole attaccare, ed a volte per generosità ci spingiamo in avanti con tanti uomini. Dobbiamo essere bravi noi come difensori, sia nelle marcature preventive che nel chiamare a volte i centrocampisti per darci una mano quando siamo in parità numerica.

NESSUN DRAMMA-Col direttore Basile abbiamo analizzato l’ultima partita, così come facciamo sempre. Lui sa quali sono le nostre qualità e non vuole che ci buttiamo giù, ci ha fatto capire quali sono stati i nostri errori e ci ha fatto capire che dobbiamo preparare questa settimana al meglio. Non si può tornare indietro, rimpiangere o continuare a fasciarci la testa ormai serve a poco. Lo sfogo del Presidente, ripeto, lo abbiamo capito benissimo: adesso bisogna ripartire…

*fonte: pagina ufficiale facebook Reggina 1914

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

Reggina, 1.200 volte Rocco Musolino
Reggina

Reggina, 1.200 volte Rocco Musolino

11/12/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Uno dei pochissimi sorrisi, di una serata trasformatasi minuto dopo minuto in un museo degli orrori. Al termine del primo tempo della gara tra Reggina e Sicula Leonzio, il club dello Stretto ha premiato Rocco Musolino, ovvero...
Tonino Martino a TFP: “Ieri mi veniva da piangere. Sembra che non vogliano più stare a Reggio…”
Reggina

Tonino Martino a TFP: “Ieri mi veniva da piangere. Sembra che non vogliano più stare a Reggio…”

11/12/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Tifoso sfegatato, prima ancora che ex calciatore. Tonino Martino e l’amaranto, storia di un amore viscerale che il diretto interessato, autore dello storico gol che valse la prima serie A, ha sempre rimarcato con orgoglio....
[AUDIO] La SALA STAMPA del calcio calabrese: le interviste di Universo Dilettanti
Dilettanti

[AUDIO] La SALA STAMPA del calcio calabrese: le interviste di Universo Dilettanti

11/12/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Una collaborazione che va avanti da anni e che si arricchisce di un nuovo contenuto, fruibile dalle migliaia di appassionati che visitano quotidianamente il nostro portale. La più importante trasmissione radiofonica sul calcio...
Promozione A – Olympic Campione d’Inverno con il successo nel derby, tiene il passo solo il Corigliano
Dilettanti

Promozione A – Olympic Campione d’Inverno con il successo nel derby, tiene il passo solo il Corigliano

11/12/2017 | A cura di Domenico Geria
Il punto sul girone A di Promozione dopo la 14^ giornata Vola verso l’Eccellenza l’Olympic Rossanese (nell’immagine principale tratta dalla fanpage Facebook del club), che grazie alla vittoria nella...
Crisi Reggina, Sicula Leonzio padrona del Granillo: sfoglia l’album della gara
PhotoGallery

Crisi Reggina, Sicula Leonzio padrona del Granillo: sfoglia l’album della gara

11/12/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Quella che poteva e doveva essere la gara del rilancio, si è trasformata in un’altra disfatta. Una Reggina troppo brutta per essere vera, viene asfaltata al Granillo dalla Sicula dell’ex Aimo Diana. Le immagini del...