breaking news

Gallico Catona, Locri è alle spalle: ennesima rimonta, i rossazzurri restano al terzo posto

Gallico Catona, Locri è alle spalle: ennesima rimonta, i rossazzurri restano al terzo posto
Dilettanti
22/10/2017 20:30 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
L'undici di Misiti cancella prontamente il ko di domenica scorsa, uscendo tra gli applausi dei tifosi accorsi al Lo Presti.

Il  Gallico Catona reagisce, lotta ed alla fine si esalta, uscendo dal campo fra gli scroscianti applausi dei propri tifosi, con l’obiettivo di portare sempre più gente allo stadio. L’ostico Trebisacce viene rimandato a casa battuto, il ko contro la corazzata Locri è già alle spalle: anche questa volta, i ragazzi di Misiti sorprendono per gioco, spigliatezza atletica ed una tranquillità davvero disarmante.

Tutte su palle inattive, le reti della sfida. In casa rossazzurra decisiva la doppietta di Cormaci, unita al gol di Manuel Monorchio, tornato finalmente a segnare. Oltre ai marcatori, si segnalano per qualità un Peppe Gioia “formato gigante”, il giovane Ciccio Violante autore di due assist vincenti, e l’estremo difensore Gabriele Parisi. Il Trebisacce ha comunque dimostrato di non meritare la preoccupante classifica, e nonostante si sia presentato all’appuntamento ancora a secco di vittorie, è uscito dal campo a testa alta dopo averle provate tutte per strappare un risultato positivo, grazie soprattutto alle giocate di un Galantucci sempre insidioso.

STRADA TUTTA IN SALITA-Gli ospiti gelano il Lo Presti dopo tre lancette di orologio. Daniel Vaz esegue uno schema da punizione, il suo cross corto in area è per Galantucci, che con un tocco agile e morbido rasoterra batte l’incolpevole Parisi. Il Gallico Catona non soffre la doccia fredda e comincia ad alzare i ritmi, prendendosi di fatto la zona nevralgica del campo, nonostante il pesante forfeit di Andrea Penna (fuori per infortunio). L’inesauribile Gioia prende i gradi del direttore d’orchestra, mai un pallone sbagliato e continue verticalizzazioni. Al 16′ Violante (a soli 17 anni, gioca dietro le punte con la finezza di un veterano) prova a rimettere i suoi sui giusti binari, ma la sua punizione vede la sfera sibilare sulla traversa.

VIOLANTE PENNELLA, CORMACI INSACCA-Al 23′ il Trebisacce va via in contropiede, con Maio che impegna severamente un Parisi in splendida forma. Passata la paura, i reggini si rimettono in carreggiata. La punizione-assist stavolta è di Ciccio Violante, che pennella dall’out destro e trova il possente stacco di testa di Totò Cormaci, il quale sorprende Arfuso (27′). Due minuti più tardi, gli scenari cambiano diametralmente. Il piede fatato di Ciccio Violante partorisce un altro assist per la testa di Cormaci, stavolta da corner, con quest’ultimo che timbra la doppietta e fa esplodere i tifosi rossazzurri.  Il finale di tempo si chiude con due conclusioni a lato dell’onnipresente Galantucci, a dimostrazione che i cosentini a perdere non ci stanno proprio.

TRIS DI FELICITA’…L’ottimo Violante potrebbe chiudere i giochi al 57′, ma la sua punizione colpisce la traversa. Al 59′ tiro di prepotenza dell’esterno Ricciardi, che si perde sul fondo. Tirano un po’ il fiato i ragazzi di casa, Misiti fa uscire Cormaci e poi Ricciardi (positiva anche la prova dell’ex Pro Pellaro), al loro posto La Cava e Ferrato. Il Trebisacce si fa pericoloso con le incursioni di Galantucci e Grisolia, ma un super Parisi è decisivo  soprattutto all’83′, parando da pochi passi sull’autore del gol giallorosso (tre minuti prima, con gli ospiti in forcing quasi disperato, era stato bravissimo Scarcella nel compiere un intervento difensivo provvidenziale). All’88′ il tris liberatorio per i locali, con un tiro al fulmicotone di Monorchio. Il ragazzo di Archi come detto prima si sblocca, ripagando così in toto la fiducia accordata dal tecnico Misiti.

Il Gallico Catona continua a sognare, godendosi la terza posizione in coabitazione col Sersale, unita ad una semifinale di Coppa Italia quasi ipotecata. Meglio di cosi, Peppe Misiti davvero non poteva fare. E l’impressione è che non sia finita qui…

Giuseppe Calabrò

foto Mimmo Scappatura

Redazione ReggioNelPallone.it
Testata giornalistica online Aut. Trib. di Reggio Calabria n. 11/2010 Il calcio e lo Sport nella Provincia di Reggio Calabria.

Ultime News

La riscossa della ReggioMediterranea arriva nel momento più difficile
Dilettanti

La riscossa della ReggioMediterranea arriva nel momento più difficile

20/02/2018 | A cura di Domenico Geria
Tre gol, tre punti e una prova convincente e di personalità hanno consentito alla ReggioMediterranea di scuotersi di dosso le negatività accumulate nell’ultimo periodo, risollevando il morale di un ambiente passionale che...
Bianco a Catanzaro Lido per la semifinale di ritorno di Coppa Calabria
Dilettanti

Bianco a Catanzaro Lido per la semifinale di ritorno di Coppa Calabria

20/02/2018 | A cura di Domenico Geria
Mercoledì a Catanzaro Lido il Bianco (nell’immagine principale, tratta dalla fanpage Facebook del club, un ‘undici’ di una recente partita) affronterà la locale compagine nella semifinale di ritorno della...
Il recupero di Promozione: tra Gioiese e Gioiosa in palio punti pesantissimi
Dilettanti

Il recupero di Promozione: tra Gioiese e Gioiosa in palio punti pesantissimi

20/02/2018 | A cura di Domenico Geria
Si recupera mercoledì 21 febbraio alle 14:30 la sfida tra Gioiese e Gioiosa Jonica, inserita nel programma della 20^ giornata del campionato di Promozione, e non disputata sabato 3 febbraio scorso a causa delle condizioni del...
Bocale ADMO, la difesa-bunker è il vero punto di forza
Dilettanti

Bocale ADMO, la difesa-bunker è il vero punto di forza

20/02/2018 | A cura di Domenico Geria
Corre veloce verso il proprio obiettivo il Bocale ADMO, ad un ritmo forsennato che le avversarie non riescono più a tenere. Dieci vittorie consecutive sono tante, come del resto anche i punti di vantaggio sulle inseguitrici: +8...
Reggina, Ferrani si è “preso la difesa”
Reggina

Reggina, Ferrani si è “preso la difesa”

20/02/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Qualcuno obietterà che esteticamente non sia Baresi. Qualcun altro, però, risponderà che in quanto a concretezza è quello che serviva alla retroguardia amaranto. Manuel Ferrani è un giocatore rude ma efficace, fisicamente...