breaking news

Reggina, Maurizi non tocca il suo muro

Reggina, Maurizi non tocca il suo muro
Reggina
11/10/2017 13:50 | A cura di Filippo Mazzù
Nello scacchiere di mister Maurizi assume significato la scelta di accordare fiducia al quartetto difensivo composto da Laezza, Di Filippo, Gatti e Solerio.

Commenti e considerazioni su squadra e reparti, dopo le otto giornate di campionato trascorse, è bene renderli pubblici. Centrocampo ed attacco rappresentano sicuramente due incognite per mister Maurizi, il quale dal match con il Catanzaro in poi ha dovuto far fronte ad una lunga serie di infortuni. Inutile stare qui a ribadire discorsi triti e ritriti: in queste situazioni bisogna fare di necessità virtù e al tecnico amaranto va dato atto della caparbietà con cui si è calato in una situazione davvero difficile da fronteggiare, traendo il massimo risultato (con il massimo sforzo).

Nell’ambaradan generale spicca la costanza di una difesa che raramente ha visto cambiare gli effettivi in campo. Laezza, Di Filippo, Gatti, Solerio: è questo il quartetto designato da Maurizi per la propria retroguardia. L’inserimento, graduale, del terzino sinistro ex Avellino è stato di sicuro favorito dall’avanzamento della posizione di Toti Porcino nei tre di centrocampo (o all’occorrenza nei due d’attacco). Solerio, però, si è giocato bene le sue carte, risultando spesso tra i più positivi, sebbene vada rivista più di una situazione in fase di non possesso e con la squadra avversaria in proiezione offensiva.

L’arma a doppio taglio di questa Reggina è, però, il palleggio che ha inizio dalle retrovie, ma che delle volte rischia di valicare i limiti della prudenza, esponendosi a rischi inutili per una squadra che deve salvarsi. L’errore di Laezza in quel di Trapani, e che per fortuna non è costato caro, è l’ultimo in ordine di tempo. Siamo sicuri che questa “filosofia” produca più benefici che danni? I dati, ad oggi, danno ragione al tecnico, ma il campanello d’allarme, dalle parti del Sant’Agata, è già suonato…

Filippo Mazzù
Collaboratore di ReggioNelPallone.it

Ultime News

Granillo, il ricordo del Sindaco e della figlia Maria Stella: “Ha amato questa città…”
Reggina

Granillo, il ricordo del Sindaco e della figlia Maria Stella: “Ha amato questa città…”

13/12/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Oreste Granillo non fu solo il Presidente della Reggina per 17 lunghissimi anni. Oreste Granillo ha rappresentato tantissimo per lo sport reggino e calabrese, lasciando tracce incancellabili anche in ambito politico. Delegato del...
Causio e la Reggina: “Granillo straordinario, ma quella trattativa la sbloccò Segato”
Reggina

Causio e la Reggina: “Granillo straordinario, ma quella trattativa la sbloccò Segato”

12/12/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Che il talento di quel ragazzo di soli 19 anni fosse cristallino, a Reggio Calabria se n’erano accorti un pò tutti. In pochi, forse nemmeno lui, avrebbero pensato che quella giovanissima ala, così elegante da meritarsi...
L’amarcord di Regalia: “La Reggina 73/74 vittima di una combine. Granillo uomo straordinario”
Reggina

L’amarcord di Regalia: “La Reggina 73/74 vittima di una combine. Granillo uomo straordinario”

12/12/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Nell’estate del 1974 Carlo Regalia ha da poco compiuto 40 anni, quando entra in contatto con Oreste Granillo per guidare la compagine dello Stretto. Ospite della kermesse dedicata all’indimenticabile ex patron...
Reggina, Praticò: “Granillo mi ha insegnato tanto, lo porto nel cuore…”
Reggina

Reggina, Praticò: “Granillo mi ha insegnato tanto, lo porto nel cuore…”

12/12/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
“Oreste Granillo è un uomo che mi ha insegnato tanto, porterò sempre nel cuore lui ed i suoi insegnamenti”. Così il Presidente della Reggina Mimmo Praticò, nel ricordare l’indimenticabile patron della...
Primo Premio Oreste Granillo, un tuffo al cuore nel nome della storia
Reggina

Primo Premio Oreste Granillo, un tuffo al cuore nel nome della storia

12/12/2017 | A cura di Ferdinando Ielasi
Un omaggio a chi resta sempre lì, immortale, scolpito nella memoria non solo del popolo amaranto, ma di una intera città. Il Primo Premio Sportivo Oreste Granillo, ideato dal collega Maurizio Insardà, ha regalato emozioni...