breaking news

L’urlo di Reggio nella storia

L’urlo di Reggio nella storia
Reggina
13/06/2017 19:37 | A cura di Gianpiero Versace
Stadio delle Alpi di Torino, 13 giugno 1999: Reggio Calabria approda per la prima volta in serie A.

13 giugno. Oggi, come 18 anni fa. La firma del Direttore Editoriale di RNP per il ricordo della giornata che ha cambiato la storia dello sport reggino.

Non c’è sensazione più sublime, per un uomo, del vedere i propri sogni intrecciarsi con la realtà. Ci sono date, ci sono luoghi, ci sono nomi che evocano emozioni. Sensazioni che con il passare degli anni diventano ricordi, talvolta sfumati d’una sana, profonda, dolcissima malinconia.
13 Giugno 1999, Stadio Delle Alpi, Francesco Cozza, Tonino Martino. Per chi vive Reggio, per chi ama la Reggina, aggiungere altro sarebbe superfluo. In queste poche parole un’intera città ha scoperto la sostanza dei sogni.

Era la Reggina di Foti, Martino e Iacopino. Una rustica triade in salsa amaranto, affamata e competente, umile ma ambiziosa, realista eppure convinta che anche in questo spicchio di Calabria adagiato sullo Stretto fosse possibile fare Grande calcio. Era la Reggina dei gradoni d’un Comunale che lasciavano il posto agli spalti d’un Granillo in costruzione omaggiandoli del loro carico di storia magari provinciale, certamente genuina ed indelebile.

torino-reggina_20100320_1278310478Era la Reggina del calcio spettacolare sciorinato da quell’indimenticabile orchestra diretta da Gustinetti e del pragmatismo di Bolchi, con i suoi pareggi casalinghi e le sue imprese in trasferta. Era la Reggina di Poli e Giacchetta, di Pinciarelli e Martino, di Cozza e Firmani, di un implacabile Fabio Artico ed un fuoriclasse chiamato Possanzini. Quella era, essenzialmente, la Reggina di tutti, perché nel citarne qualcuno s’ha il timore di dimenticarne un altro altrettanto importante, indispensabile nella riuscita d’un progetto che era la testimonianza d’una comunione d’intenti, d’una simbiosi con il territorio esemplare.

In quel giorno d’inizio estate, l’amaranto si fondeva nel granata dipingendo la festa degli spalti del Delle Alpi. Un Torino già promosso abbracciava il pellegrinaggio di ventimila reggini increduli, incitava l’entusiasmo di un’intera città che vedeva il proprio traguardo. Chiunque, presente al Delle Alpi, incantato da un televisore in Calabria, incollato ad una radio chissà dove, sapeva che quel giorno si sarebbe fatta “La Storia”. Il fischio d’inizio del signor Bettin servì a spezzare l’ipnosi, iniziavano 90’ attesi per 86 lunghissimi anni.

38-Torino-Reggina 18Il campo parlò in tre episodi. Il primo tempo è spezzato da un calcio di rigore. Il tuffo alla propria destra non serve a Pastine per evitare la trasformazione: è Ciccio Cozza, dagli undici metri, a depositare in rete con un piattone che accende l’entusiasmo amaranto. Partita chiusa e promozione acquisita? Nient’affatto. L’incornata di Ferrante nella ripresa manda in frantumi l’illusione. Il pari del Toro scaccia la Reggina in B, sorpassata dal Pescara vittorioso sul Brescia. Gelo sulle tribune del Delle Alpi a dispetto d’un pomeriggio afoso che faceva da prologo alla “bella stagione” incombente. La Reggina è ferma ad un passo dal successo, il timore di dover assistere ancora una volta all’umiliante sgretolarsi delle proprie speranze s’impadronisce dei cuori amaranto. Un verdetto che sarebbe crudele, inaccettabile per Possanzini che legge bene una verticalizzazione e spalanca la difesa granata. L’uscita disperata del portiere sembra spegnere gli entusiasmi ma un tacco, improvviso e geniale, innesca Tonino Martino che sbatte la palla in rete. Un tuono.

Festa ultras Reggina derby Messina spareggioIl boato è trasversale. Scuote l’intera penisola, dalla perla dello Stretto alla città della Mole. Nasce dalle viscere del Meridione e rincorre chi quella terra ha dovuto lasciarla e adesso, su un campo da gioco, rivendica il proprio riscatto. Corre Tonino Martino, piange e le sue lacrime si sciolgono in quelle di chi ha atteso per tutta la vita quel momento, custodendo con gelosia quel sogno che ora sa, questa volta, nessuno potrà portargli via. Vince la Reggina, che nel 2000 siederà al tavolo delle grandi, da parigrado, guardando in faccia una realtà che sembrava non dover arrivare mai. Vince Reggio, forse mai unita come in quel giorno, che inizia una nuova entusiasmante storia sportiva ed esige quell’opportunità di riscatto sociale a lungo attesa.

Quella Reggina vive. Pulsa in chiunque l’abbia vissuta ed abbia il privilegio di poterla raccontare. Del resto, appunto, il passato nient’altro è che una traccia depositata in fondo all’anima, attende paziente una spolverata che, come una carezza, la riporti viva ridicolizzando il tempo.

Gianpiero Versace
Giornalista pubblicista, Direttore Editoriale di RnP. Già Resp. Comunicazione della Reggina, ha collaborato con Calabria Ora, Goal.com e Calcio 2000.

Ultime News

A tu per tu con… Nello Violante
Dilettanti

A tu per tu con… Nello Violante

26/05/2018 | A cura di Ferdinando Ielasi
L’ospite della “mezzanotte di RNP” questa volta è Nello Violante, storico dirigente del calcio dilettantistico reggino. Stagione conclusa, per il Gallico Catona è tempo di bilanci. E’ più contento per...
Serie C girone C, il borsino degli allenatori: Zavettieri resta in Puglia. Lucarelli e Caserta…
Reggina

Serie C girone C, il borsino degli allenatori: Zavettieri resta in Puglia. Lucarelli e Caserta…

25/05/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Il reggino Nunzio Zavettieri torna in panchina. Dopo il clamoroso esonero di Bisceglie (i nerazzurri, dopo essere stati la vera sorpresa di inizio torneo insieme al Rende, si trovavano ancora in zona playoff), Zavettieri rimarrà...
TuttoC: Reggina, in attacco si segue anche Lescano
Reggina

TuttoC: Reggina, in attacco si segue anche Lescano

25/05/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Nell’ultima settimana, continuano a susseguirsi i nomi associati al calciomercato della Reggina. Uno degli ultimi riguarda l’attacco, reparto che vede in Rolando Bianchi l’obiettivo più suggestivo. Secondo i...
Reggina, Foti a TFP: “Fondamentale il settore giovanile e l’entusiasmo della gente”
Reggina

Reggina, Foti a TFP: “Fondamentale il settore giovanile e l’entusiasmo della gente”

25/05/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Non solo amarcord e triondi indelebili. Nel corso dell’intervista rilasciata oggi a Tutti Figli di Pianca, Lillo Foti ha parlato anche del calcio di oggi. “Mi hanno deluso tante, troppe cose. C’è bisogno di...
Foti a TFP: “Addio al calcio di Pirlo, un’emozione da condividere con tutto il popolo amaranto”
Reggina

Foti a TFP: “Addio al calcio di Pirlo, un’emozione da condividere con tutto il popolo amaranto”

25/05/2018 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
L’immagine proposta dalle telecamere presenti nella tribuna di San Siro, riguardante un Lillo Foti sorridente durante l’addio al calcio di Andrea Pirlo, non è certo sfuggita ai tifosi amaranto. L’ex Presidente...