breaking news

Europa League, ottavi: per la Roma è una rimonta a metà, ai quarti ci va il Lione

Europa League, ottavi: per la Roma è una rimonta a metà, ai quarti ci va il Lione
Mondo Sport
16/03/2017 23:34 | A cura di Domenico Geria
I giallorossi vanno sotto, pareggiano subito e ribaltano il risultato, ma il gol qualificazione resta più volte strozzato in gola, con il portiere francese grande protagonista

Gare di ritorno degli ottavi di Europa League in archivio con rimonte riuscite per Ajax e Schalke, mentre non completa la risalita la Roma, che abbandona la manifestazione. Nessuna italiana quindi ai quarti di finale, dove trovano posto due belghe, una turca, una francese, una inglese, una tedesca, una spagnola e una olandese.

Fallisce la rimonta la Roma dopo la sconfitta di Lione nella gara di andata, pagando carissimo il secondo tempo da dimenticare giocato in Francia. Al 6′, sugli sviluppi di un calcio piazzato, Rudiger centra la traversa e sulla respinta Salah calcia a botta sicura, trovando il primo miracolo di Lopes in questo match. Il portiere francese si ripete ancora sull’egiziano poco dopo, poi arriva la doccia fredda per i quarantamila dell’Olimpico: come all’andata, sulla punizione di Valbuena, Diakhaby di testa insacca il vantaggio. Reazione immediata della Roma, che ancora sugli sviluppi di una punizione trova il pari con Strootman in mischia. L’inerzia è per la squadra di Spalletti, e ancora l’olandese sfiora la doppietta, liberato da un geniale colpo di tacco di Salah, ma per due volte in una manciata di secondi, Lopes è strepitoso. A inizio ripresa il portiere del Lione si ripete ancora con un doppio intervento, stavolta su Nainggolan; poi entra El Shaarawy e al primo pallone toccato vince un duello fisico con Valbuena, mette in mezzo, Jallet rinvia e colpisce il compagno di squadra Tousart che involontariamente spedisce il pallone in rete. Trovato il vantaggio, i giallorossi ci credono ancora con mezz’ora da giocare; Spalletti manda in campo Perotti e Totti per il forcing finale, e per due volte rischia di incassare il pari in contropiede, ma Allison è insuperabile in entrambi i casi, prima sul tiro di Tolisso, poi nell’uno contro uno con Cornet. In pieno recupero Perotti pennella in area per Dzeko, ma la sua incornata finisce di poco alta. La rimonta non si completa e la Roma esce dall’Europa League, eliminata da un Lione tutt’altro che irresistibile.

Le altre partite

Dopo il pareggio di Atene, il Besiktas fa suo l’incontro di ritorno ed elimina l’Olympiakos. Aboubakar, già a segno all’andata, e Babel portano i turchi sul doppio vantaggio, poi Elyounoussi riapre i giochi; il rosso diretto ad Aboubakar prima dell’intervallo sembra favorire i greci, ed invece nel quarto d’ora finale della ripresa il Besiktas chiude il conto ancora con Babel e poi con Tosun per il 4-1 finale.

Una formalità la qualificazione per il Genk dopo il 5-2 in trasferta nel derby belga con il Gent; Castagne al 20′ affossa ulteriormente la formazione già battuta una settimana fa, la quale evita una nuova sconfitta nel finale di partita grazie a Verstraete. Finisce 1-1 e il Genk accede ai quarti.

Non riesce la rimonta casalinga al Krasnodar, il Celta Vigo si impone anche in Russia con un 2-0 firmato nella ripresa da Mallo e Aspas. Celta unica spagnola ai quarti di finale.

L’Ajax ribalta la sconfitta di Copenaghen con un 2-0 maturato nel primo tempo: prima Traore di testa sulla respinta del portiere dopo il tiro da fuori di Younes; poi Dolberg che si procura e trasforma un calcio di rigore.

Con lo stesso risultato dell’andata, l’Anderlecht batte ed elimina l’APOEL Nicosia imponendosi per 1-0; a chiudere il discorso qualificazione ci pensa a metà ripresa Acheampong, in campo da meno di 60″, che finalizza il contropiede tambureggiante di Hanni.

Un solo gol per il Manchester United contro il Rostov che all’andata in Russia aveva imposto il pari all’undici di Mourinho. Primo tempo dominato dai Red Devils, che colgono anche un palo con Ibrahimovic; nella ripresa il Rostov si affaccia in avanti in cerca del gol che varrebbe l’impresa, esponendosi alle ripartenze dello United, che proprio su una di queste trova il gol-partita al 70′: Mkhitaryan vola a destra, traversone basso, Ibra di tacco prolunga verso il secondo palo dove c’è appostato Mata che segna. Proprio al 95′ Romero vola all’incrocio dei pali intercettando la punizione calciata da Noboa, che sarebbe valsa il pari e avrebbe portato le squadre ai supplementari.

Il Borussia Moenchengladbach viene eliminato quasi nella stessa modalità con la quale aveva fatto fuori la Fiorentina nel turno precedente. Lo Schalke, dopo il pari interno per 1-1, giunge all’intervallo sotto di due reti, firmate da Christensen in mischia e da Dahoud con una prodezza balistica. Nella ripresa reazione rabbiosa del club di Gelsenkirken, che al 54′ torna in gara con un tiro sporco di Goretzka che grazie ad un rimbalzo irregolare del terreno beffa Sommer; trascorre un quarto d’ora e lo Schalke si guadagna un calcio di rigore molto dubbio che Bentaleb trasforma, firmando il definitivo 2-2 e la rimonta che vale la qualificazione ai quarti.

Domenico Geria

Ultime News

Ex amaranto, Barillà riparte da Parma
Reggina

Ex amaranto, Barillà riparte da Parma

26/05/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Ancora impegnato nella lotta alla riconquista della B, che lo vedrà sfidare la Lucchese ai quarti di finale dei playoff, il Parma pensa già al futuro. Indipendentemente dalla categoria che andrà a disputare, il club ducale ha...
Addio Lega Pro, la terza serie del calcio torna a chiamarsi serie C
Lega Pro

Addio Lega Pro, la terza serie del calcio torna a chiamarsi serie C

26/05/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Ritorno al passato. Dopo cinque stagioni, il terzo campionato del calcio italiano tornerà a chiamarsi serie C, riassumendo così quella denominazione appartenutagli sin dal dopoguerra. Ad ufficializzare il cambio di...
Il Coni omaggia Oreste Granillo. Praticò: “Insieme a Foti il più grande Presidente della storia”
Reggina

Il Coni omaggia Oreste Granillo. Praticò: “Insieme a Foti il più grande Presidente della storia”

26/05/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Oltre che nello stadio della città e nel cuore della tifoseria reggina, il nome di Oreste Granillo resterà scolpito anche nel salone principale del Coni Calabria. Alla celebrazione, svoltasi questa mattina, è intervenuto anche...
Reggina, G.Praticò: “Ignoriamo le voci e lavoriamo per il futuro”
Reggina

Reggina, G.Praticò: “Ignoriamo le voci e lavoriamo per il futuro”

26/05/2017 | A cura di Redazione ReggioNelPallone.it
Nessun disimpegno, la Reggina sta muovendo i primi passi in vista della prossima stagione. E’ quanto si evince dalle dichiarazioni rese al collega Cristofaro Zuccalà da Giuseppe Praticò, figlio del Presidente e dirigente...
Bocale ADMO, una festa ‘in famiglia’ per chiudere la stagione
Dilettanti

Bocale ADMO, una festa ‘in famiglia’ per chiudere la stagione

26/05/2017 | A cura di Domenico Geria
Nella serata di giovedì 25 maggio si è celebrata la festa di fine stagione 2016/2017 del Bocale ADMO, presso il ristorante “A Casereccia” di Pellaro. Una serata in allegria con quasi tutti i protagonisti della stagione...